Quanto costa spedire merci pericolose con le scatole ONU 4GV Safe&Clean

Quando si tratta di spedire merci pericolose, gli elementi da tenere in considerazione sono moltissimi. Da una parte c’è il necessario rispetto, attraverso l’uso di imballaggi omologati, di persone, oggetti, ambiente e mezzi di trasporto: a questo scopo, infatti, sono stati creati i regolamenti, che necessitano di una corretta lettura e interpretazione insieme ai relativi test report e al marchio di omologazione stampato o impresso sugli imballaggi omologati ONU. D’altro canto, tuttavia, si fa strada per il mittente un altro tipo di attenzione: quella, cioè, per il costo dell’imballaggio.

L’importanza del costo dell’imballaggio

È sempre opportuno valutare i costi di un imballaggio per molti motivi. Il primo è in riferimento alla validità dell’omologazione: i soldi risparmiati acquistando un imballaggio di bassa qualità od omologato in maniera non corretta, infatti, si potrebbero trasformare in merci rovinate e malcontento del cliente o, ancor peggio, in multe molto salate (per un trasporto via aerea non conforme queste sanzioni possono mettere in crisi anche società ben strutturate).

Inoltre, ricordiamo che quello del costo non è elemento da poco, specie se le spedizioni sono frequenti e se gli imballaggi sono voluminosi o pesanti (elementi, questi, che fanno inevitabilmente lievitare il costo di spedizione). Un discorso di questo tipo vale a maggior ragione per le scatole omologate ONU 4GV con vermiculite: trattandosi, infatti, di un materiale di origine minerale, polveroso e voluminoso (anche se finora indispensabile per assorbire i liquidi e attutire gli urti), la vermiculite può causare un innalzamento dei costi di imballaggio, manodopera e spedizione di non poco conto.

Per evitare tale inconveniente, dunque, Serpac ha deciso di ideare e produrre una nuova linea di scatole omologate ONU 4GV, denominata come “Safe&Clean”: questa, infatti, mette al posto della vermiculite materiali più performanti sia dal punto di vista dell’assorbimento sia della capacità di proteggere la merce. Si tratta di panni assorbenti e il foam SR, più leggeri, sicuri e facili da maneggiare ma che, soprattutto, vanno ad abbattere una serie di costi. Quali? Li vediamo in questo articolo!

 

I costi di spedizione

Dare una risposta chiara ed esaustiva alla domanda “Quanto costa spedire merci pericolose con le scatole ONU 4GV Safe&Clean?” è assai difficile. Troppe, infatti, sono le variabili in gioco: dalla destinazione al mezzo di trasporto, dal numero di spedizioni necessarie al contratto con lo spedizioniere, fino al grado di urgenza con cui bisogna spedire la merce, le tratte e le destinazioni che si devono raggiungere. Tuttavia, è possibile indicare e calcolare quali sono le voci di costo su cui è possibile risparmiare con una scatola omologata ONU 4GV Safe&Clean, a partire dai costi di spedizione.

Queste ultime, infatti, grazie all’utilizzo di materiali assorbenti e attutenti molto più leggeri della vermiculite, implicano la creazione di un collo il cui peso lordo è nettamente più basso di quello di una scatola “tradizionale”. La maggiore leggerezza, dunque, va di pari passi con un risparmio sui costi di spedizione. Calcolare la variazione di costo, dunque, sarà assai semplice: basterà sottrarre al costo della spedizione di un collo contenente vermiculite quello di un collo Safe&Clean, ottenendo il risparmio in Euro, come mostra questo schema.

 

I costi accessori

Oltre a questo risparmio, le scatole omologate ONU 4GV Safe&Clean presentano ulteriori vantaggi in termini economici: merito del taglio a costi “extra”, quali la manodopera, gli accessori ed eventualmente i DPI. Ma andiamo con ordine.

 

La manodopera

Come abbiamo visto, la vermiculite è un materiale voluminoso e polveroso e, dunque, non sempre facile da maneggiare. Inoltre, il suo utilizzo è vincolato dalle indicazioni riportate sul test report, che devono essere seguite in maniera rigorosa per rispettare la validità dell’omologazione delle scatole. Elementi, questi, altamente time consuming, che portano a un vero e proprio innalzamento del costo di manodopera, specie per una reiterata attività di imballaggio di merci pericolose. Al contrario, le scatole omologate ONU 4GV, leggere e dotate di pratico kit, possono essere assemblate facilmente e in poco tempo, nel pieno rispetto dei regolamenti.

 

Gli accessori

Quando si utilizzano scatole omologate ONU 4GV queste ultime vanno dotate di un sacco di plastica che ne riscopra le pareti interne in vista dell’inserimento della vermiculite o anche del kit Safe&Clean. I sacchi di plastica, poi, nel caso di utilizzo della soluzione con vermiculite, sono consigliati anche per avvolgere gli imballaggi interni, proteggendoli così dalla polvere e dagli eventuali danni causati dalla vermiculite. Questi costi, tuttavia, possono essere tagliati dalle scatole omologate ONU 4GV Safe&Clean, che non causano la produzione di polvere e che non implicano, dunque, l’utilizzo di sacchi protettivi per gli imballaggi interni, evitando così anche il lavoro di confezionamento degli stessi.

 

I DPI

E sempre a proposito di polvere, l’uso di mascherine, guanti e occhiali antipolvere è consigliato per chi decide di optare per la vermiculite. La stessa che, sfregandosi su sé stessa, può produrre sporcizia che va a depositarsi sugli indumenti, sugli arti scoperti ed anche sulla merce. Ebbene, con l’utilizzo di scatole omologate ONU 4GV Safe&Clean è possibile abbattere anche i costi degli eventuali DPI grazie alla totale assenza di polvere e, dunque, di sporcizia.

Un’ultima cosa a cui prestare attenzione è la seguente: nel caso in cui la vostra scelta ricada sugli imballaggi V con la vermiculite, è bene che vi accertiate che quest’ultima venga fornita con certificazione “Vermiculite esente amianto”.

New call-to-action