News: classificazione-merci-pericolose

Regolamento CLP: introduzione dei valori di Stima della Tossicità Acuta

Sulla Gazzetta Ufficiale Europea L 251 del 5 ottobre 2018 è stato pubblicato il Regolamento (UE) 2018/1480, della Commissione del 4 ottobre 2018, con la modifica, ai fini dell’adeguamento al processo tecnico e scientifico, del Regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione,.

Vedi

Classe 9 – Materie e oggetti pericolosi diversi

Sono compresi nella classe 9 le materie e gli oggetti che, durante il trasporto, presentano un pericolo diverso da quelli compresi sotto il titolo delle altre classi.

Vedi

Classe 8 - Materie corrosive

Sono compresi nella classe 8 tutte quelle sostanze che, in caso di rottura dell'imballaggio e conseguente fuoruscita della sostanza, possono causare, per azione chimica, gravi danni al tessuto umano con cui vengono in contatto o possono danneggiare altre merci o, addirittura, gli stessi mezzi di.
Vedi

Classe 7 - Materiali radioattivi

Sono compresi nella classe 7 qualsiasi materiale contenente radionuclidi dove sia “la concentrazione d’attività” che “l’attività totale” di ogni singola spedizione superi i limiti specificati nel manuale della tipologia di trasporto utilizzata.
Vedi

Classe 6.2 - Materie infettanti

Sono compresi nella classe 6.2 (materie infettanti) le materie di cui si sa o si ha ragione di credere che contengano agenti patogeni.
Vedi

Classe 6.1 - Materie tossiche

Sono compresi nella classe 6.1 le materie tossiche di cui si sa per esperienza, o di cui si può presumere, secondo le sperimentazioni fatte sugli animali, che possono, in quantità relativamente modesta, con un’azione unica o breve, nuocere alla salute dell’uomo o causarne la morte 
Vedi

Classe 5.2 - Perossidi organici

Sono compresi nella classe 5.2 le sostanze organiche che hanno una struttura bivalente -O-O e che si possono considerare derivati del perossido di idrogeno, in cui uno o due atomi di idrogeno siano stati sostituiti da radicali organici.
Vedi

Classe 5.1 - Materie comburenti

Sono compresi nella classe 5.1 tutte quelle sostanze non necessariamente combustibili, ma che possono, generalmente, provocare o contribuire a provocare la combustione di altri materiali.
Vedi

Classe 4.3 - Materie che, a contatto con l'acqua, sviluppano gas infiammabili

Sono compresi nella classe 4.3 tutti quelle sostanze che, per reazione con l’acqua, sviluppano gas infiammabili suscettibili di formare miscele esplosive con l’aria, come pure gli oggetti contenenti tali sostanze.
Vedi

Classe 4.2 - Materie soggette ad accensione spontanea

Sono compresi nella classe 4.2 quelle sostanze che sono suscettibili di riscaldamento spontaneo nelle normali condizioni di trasporto, oppure che possano riscaldarsi e poi incendiarsi a contatto dell'aria.
Vedi

Classe 3 - Liquidi infiammabili

La classe 3 non ha divisioni e comprende:
- liquidi infiammabili; - esplosivi liquidi desensibilizzati Vedi

Classe 4.1 - Solidi infiammabili

Sono compresi nella classe 4.1 tutti quei solidi che, durante il trasporto, sono facilmente combustibili, oppure causino, o contribuiscano a causare incendi per sfregamento; sostanze autoreagenti che possano esprimere una forte reazione esotermica

Vedi